Home Sezioni

Il Coordinamento Motociclisti e la sicurezza stradale

In Sicurezza
di Gianluca Zanelotto, 30 ottobre 2014

Il Coordinamento Motociclisti e la sicurezza stradale

Ricevo e condivido con voi questo comunicato del Coordinamento Italiano Motociclisti, c'è di cui riflettere...

"Sicurezza dei Motociclisti, al Governo NON conviene!
Ovvero quando la politica non affronta seriamente i problemi, ma mette la testa nella sabbia!

Nel 2012 il parco circolante di motocicli in Italia è stato calcolato nel rapporto Aci-Censis in 6.481.770 pezzi, su un totale di 49.013.180 veicoli, il 13,2%.

Secondo i dati Istat, i motocicli coinvolti in sinistri stradali sono il 13,6% del totale, con 787 morti che rappresentano il 26,6% dei decessi e 42.200 feriti; se al computo aggiungiamo i ciclomotori, che hanno registrato 117 vittime – il 3,9% dei decessi – e 15.800 feriti, il bollettino ci racconta una realtà ben peggiore.

Un totale di 904 morti rappresentano il 30,5% delle vittime della strada.
Secondo gli ultimi studi disponibili, il costo sociale medio per un deceduto sulla strada in Italia è di circa 1 milione e mezzo di euro, mentre il costo sociale medio di un incidente stradale mortale è di un milione e 600mila euro.

Proporre quindi soluzioni ed incentivi per aumentare la SICUREZZA dei Motociclisti dovrebbe essere quindi la logica conseguenza: il Deputato Marco Causi ha così richiesto con una interrogazione al Viceministro dell’Economia, di riconoscere un incentivo fiscale del 20% di detraibilità per l’acquisto di paraschiena, guanti, giubbotti speciali, etc.... ovvero l’abbigliamento tecnico per motociclisti NON obbligatorio (esclusione dei caschi quindi).

A questa richiesta il Viceministro per l’Economia Luigi Casero ha risposto di NO in quanto troppo onerosa per lo Stato ovvero 89 milioni per il 2016 e 50 milioni per il 2017, inoltre, pur ammettendo che tali dispositivi in Italia sono decisamente meno venduti rispetto ad altri Paesi Europei (vedi Germania), si ritiene che essendo gli utenti delle due ruote prevalentemente scooteristi in ambito urbano e che il clima non ne aiuti l’utilizzo, l’incentivo sarebbe superfluo.

E’ evidente che per il Governo la Sicurezza dei Motociclisti è una parola priva di senso e che nel Nord Italia giriamo in canottiera tutto l’anno!

Con la presente vorremo ricordare al Viceministro per l’Economia quanto segue:
1. I motociclisti che circolano al di fuori del circuito urbano esistono e comunque gli scooteristi hanno le stesse vertebre dei primi che, in caso di caduta, si rompono in modo analogo.
2. E’ risaputo che i dispositivi citati riducono e di parecchio le conseguenze di un incidente stradale di un utente delle due ruote ed un motore, contribuendo così a ridimensionare i costi sociali dell’incidente stesso, costi che gravano sullo Stato (il costo degli incidenti stradali nel 2010 fu di circa 28 milioni di euro).
3. Buona parte delle Aziende Produttrici di tali dispositivi sono ITALIANE e l’attuale crisi ha pesantemente colpito la filiera dei negozi di abbigliamento tecnico motociclistico favorendo mercati con costi di gestione inferiori e gli acquisti on line contribuendo così alla perdita di posti di lavoro.
4. L'abbigliamento tecnico è un acquisto una tantum, in quanto non si compera un giubbotto ogni anno. Mettere un incentivo potrebbe aumentare le vendite, invogliando a rinnovare il proprio guardaroba tecnico prima di quello che si sarebbe normalmente fatto. Un aumento di vendite crea un aumento di ritorni fiscali.
5. Avere modo di scaricare lo scontrino aiuterebbe nella lotta alla evasione fiscale.
6. Concedere un incentivo permetterebbe ai motociclisti coscienziosi di rinnovare le proprie attrezzature, poiché questi sono utenti della strada che già per proprio conto hanno un’etica della strada rispetto a chi sulla sella vìola costantemente le regole. Questa scelta darebbe quindi un aiuto CONCRETO ai motociclisti virtuosi, che danno il giusto valore alla sicurezza, e la decisione aiuterebbe la cultura della protezione e la stima per lo Stato.

Concedere una detrazione andrebbe anche a beneficio dello Stato, e di come lo stesso viene considerato dai motociclisti.

Certi che il Viceministro non solo NON utilizza il mezzo a due ruote ed un motore ma, EVIDENTEMENTE, non ha a cuore la Sicurezza e la Salute di chi in moto ci va, chiediamo al Settore delle Due Ruote ed un Motore di attivarsi per unire la propria voce alla nostra, nell’interesse di chi vorrebbe ridurre i COSTI SOCIALI dell’incidentistica stradale."


Commenti dei lettori

Username
Password

Commento


Articoli precedenti in Sicurezza

WSBK Misano 2014, Domenica: le altre gare
WSBK Misano 2014: le nuove soluzioni Pirelli
Festa dell'Educazione Stradale: il Villaggio Michelin arriva a Milano